ABBIAMO RACCOLTO LE CILIEGIE – “Le Finestre di Orosia”

il manifesto

logo finestre di orosia

Abbiamo raccolto le ciliegie

13. 06. 2015

Abbiamo raccolto le ciliegie: sono sul tavolo, come nelle primavere dell’infanzia, quelle di alberi bianchi e rosa, ma stiamo in bizzarre giornate, quasi tropicali. Il cielo è grigio e umido e spazi di sole caldo si alternano a improvvisi oscuramenti e grandinate.

Noi umani cerchiamo di venire a patti con tempi difficili e grigi e il tempo li racconta a modo suo. Qui al co-housing è un perchè sereno, ma ci incontriamo poco; ognuno è assorto nelle proprie fatiche quotidiane. Si capisce subito che ci si impoverisce. Decidiamo di discuterne: siamo solo in quattro e si capisce subito che parlarne non serve, ma ci fa sentire vicini, L’Ernesto, postmoderno, considera obsolete le dimensioni dell’incontro: rischio, sforzo, gratuità, attesa, ed è convinto che le relazioni rimarranno solo se necessarie per il “il buon funzionamento” ed on-line, non più musica che accompagna la danza interpersonale: dall’arte alla tecnica dei legami. Ribatto che proprio la questione dei legami è interessante nel  “vivere insieme”. I legami nascono da bambini nel gioco, si costruiscono da giovani nello studio e nei sogni e, da adulti, si arricchiscono con il lavoro.

Negli eco villaggi e comunità intenzionali, giocare, studiare, lavorare insieme, ricama nell’oggi trame di tempo e spazio di queste età, senza perderne pezzi importanti. Lola nella testa e nel cuore ora le storie di immigrazione e ci invita a raccontare sottovoce le inquietudini, ringraziare ogni giorno per come stiamoe possibilmente assaporare il sio buon pane nero, appena uscito dal forno. Aurora è affancendata con la riorganizzazione della vigna: la questione è rendere operativi i propri valori.

Comincio a pensare che noi qui, stiamo vivendo la tematica più vasta e complessa dello smarrimento, del non riconoscerci più, noi comunità umane, nei paesaggi sinora attraversati e nelle mappa utilizzate. Forse mutazione della specie, non nell’arcata dentaria, ma di quella chiamata da secoli anima. Vado a parlarne con chi potrebbe fare chiarezza. Raggiungo il vivino monastero di Bose, sulla serra di Ivera. La comunità è nata nel 1965, anni vivaci e pieni di idee. E’ fondata da Enzo Bianchi che, allora studente, va ad abitare in casali contadini. Si sviluppa il clima innovativo di nuove comunità monastiche, come quella di Tiazè e tutta la ricerca spirituale e culturale di quel tempo. Nel Monastero di Bose uomini e donne, monaci e monache in saio bianco, – condividono preghiere, pasti, lavoro, attività intellettuale e artistica, silenzio, sobrietà, accoglienza, laboratori, casa editrice. Il rintocco delle campane, la meridiana con il suo sollecito scritto “Prima che il sole si oscuri”, la terra intorno, tutto, è bellezza e ordine coltivati da chi ha trovato qualcosa di essenziale da testimoniare ogni giorno. Torno a casa, ancora ristorata da quella quiete infinita. Bose mi insegna un legame immortale, fra noi e tra noi ed il mondo: il legame che nasce dalla cura di ogni cosa, di ogni creatura, del girno che arriva, dalla cura anche dei cambiamenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...